Sito informativo sulla cavitazione medica del Dott. Pietro Campione.

Adiposità

Per adiposità localizzate intendiamo le zone del corpo maschile e femminile dove il tessuto adiposo è presente in maggiore quantità rispetto alla norma.

Le cause possono essere sovralimentazione, fattori ormonali o accumuli dovuti all’habitus dell’individuo, infatti gli accumuli adiposi dipendono sia da fattori genetici che, più frequentemente, da fattori legati allo stile di vita dell’individuo.

Quando si parla di zone soggette ad adiposità localizzate si intende tutte quelle zone in cui, nonostante un’equilibrata dieta ed una costante attività fisica, i pazienti non riescono a ridurre il problema. Queste zone differiscono per sede a seconda dell’habitus androide (nel maschio) e ginoide (nella femmina).

Tali accumuli adiposi, nel caso specifico della donna, spesso risentono di un’alterazione della funzione lipolitica dovuta agli estrogeni; pertanto è facile riscontrare nelle pazienti di sesso femminile una normale attività di liposintesi e quindi di “costruzione” di grassi, ma non compensata da un’altrettanto efficace attività lipolitica (di distruzione dei grassi) a causa dell’effetto degli ormoni (appunto estrogeni) che alterano questa funzione.

E’ frequente notare che, nonostante l’attività fisica e la dieta, le pazienti subiscano un dimagrimento a livello del viso, del seno o del tronco, ma non altrettanto delle adiposità localizzate tipiche come la zona dei glutei, fianchi, interno ginocchio, regione posteriore delle braccia e laterale delle cosce, detta quest’ultima coulotte de cheval.

Sebbene gli uomini accumulino adiposità localizzate prevalentemente sulla pancia e sui fianchi, è sempre più frequente riscontrarne alcuni che accumulano grassi anche in sedi prettamente femminili, detti pertanto accumuli ginoidi, che coinvolgono fianchi, coulotte de cheval, interno ginocchio ed interno ed esterno coscia, glutei e regione posteriore del braccio.

Le possibilità per eliminare le adiposità localizzate, possono essere chirurgiche, come la Liposuzione o la Liposcultura, che se ben eseguite da Specialisti in Chirurgia Plastica, possono eliminare in un unico tempo tali inestetismi, sottoponendo il paziente ad un’inevitabile anestesia ed ai recuperi post operatori più o meno lunghi derivati da un intervento chirurgico. Oggi però la Cavitazione Medica, ovvero la Cavitazione Ultrasonica a bassa frequenza, rappresenta la più valida alternativa per quei pazienti che non vogliono sottoporsi ad un intervento di Chirurgia Plastica Estetica , e che sono disposti ad ottenere, un ottimo risultato senza anestesia né ricoveri né degenze post operatorie.